30/08/2015 Baite di Mezzeno - Monte Pietra Quadra

Mappa

Informazioni Sintetiche:

Percorso: Baite di Mezzeno - Bivacco Pietra Quadra - Monte Pietra Quadra

Tempo escursione: 3 ore e 58 minuti

Distanza: 11,14 km

Ascesa: 921 m.

Discesa: 922 m.

Quota massima: 2371 m.

Quota minima: 1565 m.

Segnavia: CAI 217 - Tracce

Difficoltà: E



Arriviamo alle Baite di Mezzeno (m.1565) circa alle sei e mezza. Ci incamminiamo sul segnavia CAI 215-217, comune per il primo tratto con il sentiero che sale al Passo di Mezzeno ed ai Laghi Gemelli. Poco dopo un grosso masso indica alla nostra sinistra la deviazione per i Tre Pizzi ed il Monte Pietra Quadra. Lasciato il sentiero per i Laghi Gemelli continuiamo in costante salita nel bosco fino a raggiungere il bellissimo Roccolo del Tino (m.1800 circa) con vista stupenda su Corna Piana, Arera e Menna…

Panorama

Seguendo il sentiero continuiamo lungo un pratone fino in prossimità della Baita di Campo, dove deviamo a destra in direzione degli ormai visibili Tre Pizzi. Continuiamo lungo la valle fino a raggiungere i ruderi di una vecchia baita (ex bivacco m.2116) posta proprio in prossimità del laghetto di Pietra Quadra. Decidiamo a questo punto per un extra percorso ed in dieci minuti di comodo cammino, perdendo leggermente quota, raggiungiamo il nuovo Bivacco Tre Pizzi posto in posizione molto più panoramica. Dopo una breve pausa ritorniamo sui nostri passi fino al laghetto, dove un labile sentiero si snoda a zig zag tra i prati fino a portarci alla vetta del Monte Pietra Quadra (m.2384) dove è posta una madonnina… Per il ritorno si pensava di proseguire in cresta e lungo il “sentiero delle capre” fino al monte Spondone. Purtroppo tale sentiero prosegue a mezza costa e risulta molto malmesso ed in alcuni tratti esposto, con passaggi sull’erba che possono essere molto scivolosi e senza possibilità di appiglio in caso di caduta. Dopo un breve tratto su questa “traccia”, arrivati all’intaglio che porta allo Spondone abbiamo preferito tornare sui nostri passi e scendere seguendo lo stesso percorso dell’andata. Di sicuro non mi sento di consigliarlo! Meglio salire il Monte Spondone dal Passo di Mezzeno!!



 

ViiepoMCa© Angelo Corna 2013