07/05/2016 Corna Camoscera - Via Ferrata Madonnina del Coren

IMGP3530

Informazioni Sintetiche:

Percorso: Cavaglia (Brembilla) - Via Ferrata Madonnina del Coren - Corna Camoscera

Tempo Escursione: Circa 3 ore e 15 minuti

Distanza: 7,85 km

Ascesa: 534 metri

Discesa: 530 metri

Quota massima: 1328 metri

Quota minima: 825 metri

Segnavia: CAI 596 e Via Ferrata Madonnina del Coren

Difficoltà: EEA


In questa bella giornata primaverile parto con Giusi da Cavaglia, frazione poco distante dal comune di Brembilla. Seguiamo i gradoni che salgono a ridosso della strada fino alle caratteristiche case che compongono questo piccolo nucleo e seguendo le indicazioni ci incamminiamo sul sentiero CAI 596. Davanti a noi è gia visibile la croce della Corna Camoscera, posta al di sopra di una bellissima parete di roccia calcarea. Risaliamo nel bosco con pendenza regolare e dopo circa 40 minuti di cammino arriviamo all’attacco della Via ferrata Madonnina del Coren. 

Panorama

Indossati casco imbrago e set da ferrata iniziamo la divertente risalita, che misura uno sviluppo di circa 350 metri e che se fatta senza l’ausilio delle catene resta nel limite del II°. La pendenza non è mai eccessiva e gli appigli per mani e piedi non mancano… Nei punti più ostici sono comunque presenti, oltre alle catene, alcune staffe per favorire la progressione. Circa a 3/4 della via è presente un passaggio molto bello in una caratteristica “grotta”, che potrebbe risultare un po’ umida dopo abbondanti piogge. Anche qua la salita è agevolata da due staffe metalliche che permettono di appoggiare i piedi in modo sicuro. Dalla grotta, in circa quindici minuti, si raggiunge la vetta superando un’ultima paretina verticale dove è posta la croce della Corna Camoscera (m.1343). Dopo due chiacchiere con altri escursionisti scendiamo dalla parte apposta seguendo il sentiero che si snoda nel bosco fino ad un’ultimo tratto attrezzato con catene di sicurezza e due brevi scalette metalliche. Finisce qua la via ferrata e riposto il kit nello zaino scendiamo costeggiando le alte pareti verticali della Corna Camoscera, dove sono state tracciate svariate vie su roccia da parte del gruppo “Le Lucertole di Brembilla”. Dopo pochi minuti ritroviamo il sentiero CAI 596, comune all’andata, che ci riporta all’auto in circa mezz’ora di comodo cammino nel bosco.

Una ferrata divertente, non troppo difficile e nemmeno troppo esposta che permette a chi si vuole cimentare nell’arrampicata libera di ripetere i passaggi più difficili senza dovere ricorrere all’ausilio delle catene. Naturalmente d’obbligo casco, imbrago e set da ferrata.






 

ViiepoMCa© Angelo Corna 2013