Giorno 1: Introbio - Val Biandino - Capanna Grassi

IMGP1980 (copy)

Informazioni sintetiche:

Percorso: Introbio - Val Biandino - Rifugio Grassi

Collegamento Escursione: http://cyclemeter.com/a964249a4e064475/Hike-20150103-1259

Tempo Escursione: 4:02:52

Distanza: 9,72 km

Salita: 1499 metri

Discesa: 113 metri

Difficoltà: E

Sentieri: SEL 40


In questo primo weekend del 2015 decido con Giusi di salire alla Capanna Grassi, dove in serata i gestori Anna e Amos organizzano una ciaspolata in notturna. Partiamo così nel primo pomeriggio da Introbio con un bella giornata di sole.

Panorama1

Il sentiero che seguiamo è il SEL 40, conosciuto anche come Via del Bitto. Seguiamo per il primo tratto la carrareccia percorsa anche dalle jeep, fino al primo segnavia che indica il sentiero per la Val Biandino, che salendo nel bosco ci porta in circa un’ora di comoda camminata all’Agriturismo La Baita. Qui salutiamo Amos, gestore della capanna Grassi sceso ad accogliere i ciaspolatori che saliranno con lui. Noi preferiamo incamminarci sfruttando le ultime ore di luce ed arriviamo all’imbocco della Val Biandino ed al Rifugio Tavecchia (m.1510) circa alle 16. Seguendo sempre il segnavia SEL 40 raggiungiamo poi il Rifugio Pio X (M.1688) dove finalmente troviamo un pò di neve. Iniziamo l’ultimo tratto di ripido sentiero che ci porta al Passo di Camisolo, dove sbuchiamo colpiti da forti raffiche di vento.  Ormai è l'ultimo sforzo. Arriviamo alla Grassi giusto in tempo per goderci uno splendido tramonto e la luna piena che sorge dietro al Pizzo Tre Signori!

Finalmente ci godiamo una pausa (ed un buon tè caldo) in uno dei pochi rifugi che possono ancora definirsi tali, dove l’accoglienza e la gentilezza dei gestori rendono il soggiorno ancora più bello. Dopo un’ottima cena decidiamo di rinunciare alla ciaspolata in notturna, la raffiche di vento che scendono dalla Bocchetta di Camisolo sono fortissime e preferiamo goderci la luna piena e le stelle restando vicino al rifugio.




ViiepoMCa© Angelo Corna 2013